CERCA

dal nostro archivio

  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
PDF Stampa E-mail
DOCUMENTI - GLI INTERVENTI

L'Istituto per il turismo di Milano viene intitolato a Claudio Varalli a 26 anni dalla sua uccisione

Il 16 e 17 aprile sarà il 26^ anniversario dell'assassinio di Claudio Varalli e Giannino Zibecchi, uccisi a Milano da un fascista il primo e dai carabinieri il secondo. In quella fase della storia politica italiana - il 1975 - era fortissimo lo scontro tra chi voleva costruire una società più giusta e compiutamente democratica e chi difendeva un modello sociale chiuso a qualsiasi evoluzione e arroccato attorno ai privilegi delle classi al potere. Ancora oggi l'Italia non ha portato a compimento una coerente evoluzione che permetta a tutte le componenti sociali di esprimere e affermare aspirazioni e bisogni; oggi corriamo il rischio concreto di vedere ribaltati i principi fondativi di questa Repubblica nata dalla presa di coscienza popolare antifascista.

Da quell'aprile 1975 noi, un gruppo di amici e compagni dei due giovani uccisi, ricordiamo ogni anno l'assassinio di Varalli e Zibecchi perché le motivazioni che li hanno spinti ad affermare valori umani e sociali sono una scelta nobile e valida ancora oggi. Lo scorso anno abbiamo creato un sito Internet - www.pernondimenticare.com - dove è possibile trovare documenti, testimonianze e analisi sulla vicenda di Varalli e Zibecchi e su quanto ha significato la lotta politica delle forze progressiste in quegli anni nel nostro Paese.

Come noi altre realtà hanno scelto di aprire siti Internet dedicati agli altri caduti nella battaglia per la democrazia, gettando le basi per creare una rete della memoria capace di tramandare alle nuove generazioni il significato di una battaglia che ancora oggi ha bisogno di slancio e convinzione. Questo è l'obiettivo che ci poniamo per i prossimi anni. Per il 26^ anniversario abbiamo deciso di organizzare alcune iniziative.

Venerdì 20 aprile alle ore 21 presso l'auditorium di Radio Popolare, via Ollearo 5, si terrà un incontro dibattito sul tema: "memoria, verità, giustizia". Intervengono Gigi Mariani avvocato, Aldo Aniasi sindaco di Milano nel '75, Gianni Barbacetto giornalista di Il Diario, Michele Mozzati (Gino & Michele), Layal Andreoletti studentessa dell'Istituto per il turismo, Danilo De Biasio Radio Popolare.
La fotocronaca della serata

Sabato 21 aprile alle ore 9.30 si terrà un'assemblea presso l'Istituto tecnico per il turismo, la scuola frequentata da Claudio Varalli nel '75 e che per l'occasione sarà ufficialmente intitolato al suo nome. Intervengono Piero Scaramucci, Giovanni Impastato, Roberto Tumminelli.
La fotocronaca dell'assemblea

Il 17 aprile, dalle ore 17.30 alle 19.30 saranno poste corone di fiori alle lapidi in piazza Cavour, piazza Santo Stefano e corso XXII marzo.

Gli amici e i compagni di allora e di sempre
www.pernondimenticare.com

Rassegna stampa aprile 2001