SOSTIENICI

CCP n. 37475597
intestato a
Per non dimenticare
Claudio Varalli e Giannino Zibecchi
IBAN
IT03E0760101600
000037475597

LOGIN

Registrati

La nostra pagina su Facebook

CERCA

dal nostro archivio

  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
COMUNICATO STAMPA MEMORIA ANTIFASCISTA PDF Stampa E-mail
BLOG - NEWS
Mercoledì 16 Marzo 2016 17:20
Milano, 15 marzo 2016

Nella totale indifferenza proseguono le scorribande neofasciste in tutta la Regione Lombardia,  dalle minacce a Como e Lecco, fino all’ultima aggressione a Brescia.
Nonostante le violenze di cui sono protagoniste le più note formazioni neofasciste, molte 
amministrazioni locali  continuano a concedere spazi pubblici a costoro chi si riconoscono
​ nell'ideologia​
 fascista la cui apologia è vietata non solo dalla nostra Costituzione  ma perseguibile dalle stesse leggi ordinarie.
A Milano, si ripetono le aggressioni nelle scuole, l’ultima che registriamo un vero proprio raid con caccia all’uomo nei locali dell’Università Statale i cui responsabili sono riconducibili al gruppo neonazista di Lealtà Azione.
Sempre a Milano, città medaglia d’Oro per la resistenza si concedono spazi per ricordare personaggi, come Massimo Morsello, che hanno militato attivamente in gruppi  del terrorismo nero degli anni ’70 e ’80. Il tutto con l’avvallo della questura e il silenzio del Sindaco e della Giunta Comunale.
E’ necessaria una risposta forte, che vada oltre ai comunicati,
​ ​
promuovendo un ampia mobilitazione che costringa a negare  la concessione di spazi ai neofascisti.
Si avvicina la ricorrenza della Liberazione dal nazifascismo e  già oggi gruppi di neofascisti minacciano di voler disturbare con azioni eclatanti le celebrazioni del 25 aprile. Anche per questo chiediamo a tutti gli antifascisti, ai Partiti, ai sindacati e all’ANPI, oltre alla consueta vigilanza  un’azione di forte mobilitazione
​.
Intanto prosegue la petizione popolare 
che chiede lo scioglimento delle organizzazioni neofasciste promossa dal Comitato Lombardo Antifascista che ha superato le 25.000 ​
​firme.​
 
MEMORIA ANTIFASCISTA - COMITATO LOMBARDO ANTIFASCISTA​
 

Commenti

Nome *
Inserisci l'e-mail per la verifica
URL
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento